Dolcezze Le tavole Pasticcerie Ristoranti

Americana ma non troppo: la Sciardac Bakery a Bacoli

IMG_8780

Dimenticatevi per un attimo di tutto il tripudio di paste di zucchero, creme al burro e paste di cereali che in anni recenti ci ha sommersi, con corredo di stucchevolezze ipercolorate che di buono nella maggioranza dei casi avevano nulla o quasi.
 Pensate invece a un ambiente caldo e intimo come la casa di campagna di una zia, magari inglese, o anche americana, sì. A stoviglie e vasellame vintage, assortiti e spaiati, in quello stile che un tempo si sarebbe chiamato cottage, che oggi si usa definire shabby chic, su tavoli di legno con tovagliette fiorite, tra piattaie e credenze country, vecchi orologi, scatole di latta, un camino in pietra e sedie e poltrone una diversa dall’altra.

IMG_8765

E sui tavoli, e su un lungo buffet, metteteci pile di dolcetti e biscotti in bilico, torte di ogni genere e foggia, privi forse della perfezione un po’ algida di certa pasticceria moderna che a me, sia chiaro, piace moltissimo, ma anche di quella sciatteria da pasticcieri improvvisati che le mode ci hanno inflitto, con il suo orrendo seguito di panne vegetali, surrogati di cioccolato e margarine. Che invece non mi piace per niente.

Sciardac bakerySiete a Bacoli, non nelle campagne di un paese anglosassone, e qui il giovane Tobia Scamardella ha aperto da qualche tempo, accanto alla salumeria-gastronomia di famiglia, questa “bakery mediterranea”, collocata in un appartamento al primo piano, tanto che sembra effettivamente, entrandoci, di essere in visita a casa di amici.

IMG_8810

IMG_8791

E se l’ispirazione statunitense si percepisce nelle zucche che in questo periodo cominciano a comparire, con relative pumpkin pies, e nelle torri di cookies giganti, per il resto la pasticceria che Tobia propone spazia dalle tartellette di vario genere (anche integrali, e con una frolla in cui si sente, immediato, il burro, grazie a Dio) alle cheesecake, dagli éclairs ai macarons, dalle torte di mele a quelle al cioccolato, senza limiti geografici e senza, soprattutto, un monotono imperversare di cupcakes.

IMG_8782

Tobia, che ha studiato all’ALMA e continua a frequentare corsi, ci si è messo d’impegno, nel cercare di proporre qualcosa che fosse, nei nostri lidi, originale ma non modaiolo, e l’impressione che mi ha fatto questa sua casetta accogliente è quella di un luogo in cui ci si può astrarre dal contesto, ci si può immaginare altrove, e si può conversare con un’amica sorseggiando una cioccolata calda o un tè, un infuso o un caffè – anche all’americana – sbocconcellando pasticcini, con lentezza.

IMG_8799La Bakery funziona ininterrottamente da mattina a sera, per la prima colazione, il brunch, un pranzo leggero, un tè pomeridiano o una cena; taglieri e piatti del giorno per i pasti principali, classici croissant ma anche pancakes, french toasts o waffels per la colazione, disponibile anche in versione completa alla statunitense, con uova, bacon, salsiccia, chips. Per il resto della giornata, dolcezze a volontà, che variano ogni giorno, accompagnate dalla bevanda che più vi piace.

IMG_8808
Intanto io comincio a immaginarmela a Natale, questa casetta, tutta profumata come sarà di spezie e agrumi, avvolta dal tepore e rallegrata dall’agrifoglio… Ma per il momento, eccovi il calendario delle proposte di ottobre. Indispensabile prenotare.

locandina-fall_fest-sciardac

Sciardac Bakery Mediterranea
Via Roma 128 – Bacoli (NA)
tel.: 3334730081 – 0815234912

Informazioni sull'autrice

giovanna esposito

Napoletana, scrivo di cibo dal 2008, prima sul mio blog di cucina, Lost in kitchen, poi, dal 2011, sul web magazine Gastronomia Mediterranea.
Nel 2015 ho pubblicato per Guido Tommasi Editore il volume "Gli aristopiatti. Storie e ricette della cucina aristocratica italiana", scritto a quattro mani con Lydia Capasso e illustrato da Gianluca Biscalchin.
Sono assaggiatrice Onaf.

Lascia un commento